“LA MUSICA È UNA DELLE VIE CHE PORTANO AL PARADISO”

 

Suor Anita Moroni

Questa frase di Torquato Tasso è molto adatta per descrivere ciò che hanno sperimentato le persone che il 15 giugno hanno riempito la Basilica di S. Alessandro in Colonna a Bergamo.

Per celebrare la canonizzazione del Palazzolo con una modalità a lui molto gradita e per ricordare il 146° della sua morte, le suore delle Poverelle hanno chiesto al Conservatorio Gaetano Donizetti, ospitato negli ambienti di Casa Madre, di realizzare un concerto in cui inserire anche alcuni brani scritti da Don Luigi stesso. Lui amava molto la musica, credeva nel suo valore educativo e la utilizzava nel suo apostolato con ragazzi e giovani come strumento per divertirli, intrattenerli e formarli ad una vita serena, ricca di ideali umani e di fede in Dio.

Il direttore, Emanuele Beschi, ha accolto di cuore questo invito e il 15 giugno nella grande Basilica a cantare c’erano 90 giovani, accompagnati all’organo, per alcuni canti, da altri quattro studenti organisti. Dopo una breve introduzione e la presentazione dei canti da parte del direttore del coro, il Maestro Cristian Gentilini, abbiamo potuto davvero godere attraverso le voci giovanili, un’atmosfera di paradiso. Abbiamo ascoltato musiche di vari autori, con stili diversi, composte in tempi che vanno dal 1500 ad oggi: tutte di carattere religioso, tutte accomunate da bellissime armonie e da una fusione impressionante delle varie voci che si alternavano, si rincorrevano e si ricongiungevano. Lo scrosciare degli applausi, dopo ogni esecuzione, ha espresso i sentimenti che la musica ha suscitato nel cuore: ammirazione per la straordinaria esecuzione e anche pace, serenità, voglia di bello e di bene.

A metà del concerto suor Anita Moroni, madre vicaria, a nome della Madre Generale suor Marilina Monzani, assente per impegni di Congregazione, e di tutte le Suore delle Poverelle, ha salutato tutti i presenti e ha espresso un grazie sentito e riconoscente al Maestro Gentilini e ai giovani membri del Coro del Conservatorio che hanno preparato con entusiasmo e passione questo momento celebrativo.

Di seguito il coro ha eseguito tre brani scritti da San Luigi Palazzolo: Salve Regina, Tantum ergo e Ave Maris Stella dell’Immacolata; canti semplici, orecchiabili, adatti per essere cantati da ragazzi, giovani, dalle persone semplici che frequentavano l’oratorio del Palazzolo.

Crediamo che anche Lui dal cielo abbia ascoltato e goduto delle sue composizioni e di tutta la buona musica, e abbia guardato con benevolenza quell’assemblea intercedendo su tutti grazie e benedizioni.